Come per l’altalena

Come per l’altalena

E se anche io nei tuoi confronti mi comportassi così ?

 Ultimamente nella città, Cairo Montenotte, in cui abito, ne sono successe di tutti colori,

una di queste che mi è toccato da vicino, ma molto vicino,

 è la vicenda delle due ragazzine di 14 anni che hanno preso una multa di ben 340,0 euro in due per essere andate sull’altalena dove è permesso andare fino ai 12 anni..

Ecco l’altalena in questione… sana e salva

 

 E ora mi dirai, ma che c’entra io sono nel tuo blog, perché a me serve un fotografo per il mio matrimonio,

c’entra,

 perché se io mi comportassi nei confronti dei miei sposi, come l’irreprensibile vigile, e dessi retta unicamente ai cartelli, probabilmente avrei qualche soldino in più in cassa, ma sicuramente non saresti contenta del mio comportamento.

Ti racconto cosa mi è successo a settembre, uno di quei week end ‘caldi’ per i fotografi matrimonialisti:

Io ero in studio, niente matrimonio, niente foto..

E’ successo che una Sposa, chiamiamola Sofia, che aveva prenotato un anno prima, ha dovuto disdire a poche settimane dal matrimonio.

La vita è bella, anzi bellissima, ma a volte ci riserva brutte sorprese..
E’ venuta di persona a darmi la brutta notizia, con le lacrime agli occhi, per la perdita di un suo caro, dispiaciuta anche per me…

 Pensa un po’, per me, io ho perso solo un lavoro … non una persona, non è niente a confronto.
 L’ho abbracciata, perché è solo questo che mi sono sentita di fare…
e poi chiusene…

Le ho restituito pure la caparra, perché era la cosa giusta da fare.

 Sono fatta così prendo sempre a cuore i ragazzi che ho la fortuna di fotografare, ognuno ha una storia diversa da raccontare e spesso e volentieri si diventa amici..
A volte mi confidano cose che non direbbero a tante persone, si fidano di me e io di loro.

Compilo sempre un contratto, quando la coppia decide di affidarsi a me, perché è corretto nei confronti soprattutto di chi si sposa, perché solo così vengono a conoscenza di clausole e costi aggiuntivi, che altrimenti vengono si spiegati ma poi scordati quasi subito, e ovviamente serve anche per tutelare il mio lavoro.

 Ma tornando alla questione delle altalene, se avessi ragionato come il vigile in questione, Sofia avrebbe dovuto pagare, oltretutto perché a ridosso dell’evento fino all’80% del valore del servizio scelto!!!

 Sarei stata dalla parte della ragione il contratto firmato c’è ed è ben chiara la parte che riguarda le disdette.

 Ma è umano, è ragionevole in questo caso?

 Ci vogliono cuore e buonsenso.


Ti ho voluto raccontare questa piccola storia per farti capire con chi avresti a che fare, nel caso scegliessi me.

E’ per questo che ho basato il mio modo di fotografare cercando di raccontare sempre una storia,
un momento della vita,
foto che vogliono e devono raccontare un momento di vita, vero, attraverso gli sguardi, le mani, gli abbracci i sorrisi, le risate sguaiate e perché no anche le lacrime.

 

Mara

Tags:
, ,
No Comments

Post A Comment